Nella magnifica appartenenza

Nella magnifica appartenenza
non c’è fuori, non c’è dentro
non c’è prima, non c’è dopo
non c’è vicino, non c’è lontano.

Inutile cercare d’entrare, inutile temere
di uscire

poiché tutto è vuoto”
come può accadere qualcosa?

Leggendo queste parole, la coscienza
che non sperimenta l’immobile che è il movimento stesso
crede che esse stiano negando la vita

ma se affermi, neghi o sminuisci la vita
è chiuso l’occhio della Vacuità, della Coscienza Originaria.

E quando la Coscienza Originaria
non è così sveglia nella sua forma umana

l’essere umano svolge la sua breve, fragile
eternamente preziosa vita

cercando di afferrare risposte
ma smarrendone il senso

credendo di vivere,
ma avvolto nel sonno

anelando alla vita,
ma senza viverla davvero

inondato di luce,
ma incapace di riconoscerla nell’apparente selva
oscura e luminosa delle sue illusioni.

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...