Ascolta

Alla roccia della tartaruga
sul greto del torrente adamellino
ci siamo seduti, convalescenti.

Con la schiena diritta, dentro
il suono incessante della corrente
abbiamo respirato la gioia di respirare

cavalli al pascolo, abetaie,
pareti di roccia, erba rasa. Buon vino,
formaggio e pane.

Raccolti i resti gloriosi del pasto, ad ogni passo
guariti, abbiamo ripreso il cammino.

 

Ascolta.

 

Basta che tu sieda in meditazione
nel fragore continuo del torrente
per vivere che il fuori è dentro
e noi ci siamo immersi.

La frattura tra il dentro del sé
e il fuori del non sé

si risolve in una differenza di forme
cangianti di un medesimo Reale
privo di frattura alcuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...